Il terzo episodio di Loki (Stagione 1, episodio 3)

Il terzo episodio di Loki, dal titolo Lamentis, è uscito su Disney+ mercoledì 23 giugno 2021. Episodio che segna la metà di questa prima stagione, è una puntata un po’ di transizione dopo la valanga di informazioni ricevute nelle prime due. Ad ogni modo, qualche spunto di riflessione c’è anche in queste episodio dallo svolgimento molto più lineare rispetto ai primi.

Conosciamo Sylvie Laufeydottir, la variante femminile di Loki

In questo terzo episodio conosciamo un po’ meglio la variante femminile di Loki, anche se forse sono più le domande che si sollevano che quelle che hanno effettivamente risposta. Abbiamo conferma che non ama farsi chiamare Loki, ma che ha adottato il nome di Sylvie, Da qui il nome completo Sylvie Laufeydottir, con il cognome che è la variante femminile di Laufeyson, ovvero figlio di Laufey secondo la tradizione nordica.

Loki (Tom Hiddleston) e Sylvie (Sophia Di Martino)  si conoscono meglio nel terzo episodio di Loki
Loki (Tom Hiddleston) e Sylvie (Sophia Di Martino) si conoscono meglio nel terzo episodio di Loki. Photo courtesy of Marvel Studios. ©Marvel Studios 2021. All Rights Reserved.

Dopo il bombardamento della linea temporale e aver estorto la posizione e le difese dei Custodi del Tempo a C-20, Sylvie penetra nella TVA ma viene rallentata quanto basta dal Loki perché Ravonna e altri Minutemen la blocchino prima di arrivare nelle stanze dei Time-Keepers. Loki e Sylvie sono quindi costretti a fuggire in una nuova apocalisse.

Non è ancora chiaro quali siano gli obiettivi di Sylvie, dato che è alquanto evasiva quando Loki le chiede cosa vuole ottenere. Sappiamo che ha avuto una vita differente da quella di Loki, dato che non ha conosciuto sua madre e appreso da lei i segreti della magia, imparando solo qualche incanto da autodidatta. Inoltre, ha sempre saputo di essere stata adottata, a differenza di Loki che l’ha scoperto con certezza solo nel film Thor.

Ma Sylvie è davvero una variante di Loki?

A differenza dello scorso episodio, in cui erano stati aggiunti nei ringraziamenti finali solo i nomi di J. Michael Straczynski e Olivier Coipel, creatori della versione femminile di Loki, in questo terzo episodio appaiono anche i nomi di Paul Cornell e Mark Brooks, che hanno ideato Sylvie Lushton, una versione più giovane dell’Incantatrice rivelatasi poi una creazione di Loki, sulle pagine di Dark Reign: Young Avengers. Che questa Sylvie non sia una variante di Loki ma una sua creazione?

Copertina di Dark Reign: Young Avengers 4 del 2009, di Mark Brooks, con la giovane Incantatrice Sylvie Lushton, su cui si basa il personaggio del terzo episodio di Loki, e Wiccan, alias Billy Kaplan, il figlio di Wanda Maximoff.
Copertina di Dark Reign: Young Avengers 4 del 2009, di Mark Brooks, con la giovane Incantatrice Sylvie Lushton e Wiccan, alias Billy Kaplan, il figlio di Wanda Maximoff.

La rivelazione del terzo episodio di Loki sui membri della TVA

In apertura dell’episodio vediamo come gli incanti di Sylvie abbiano estorto i segreti dalla mente di C-20, ricreando dei falsi ricordi nella mente della Minuteman. Come nota Loki quando Sylvie gli racconta l’accaduto, il fatto che possegga ricordi antecedenti al suo ingresso alla TVA svela una prima bugia raccontata al dio dell’inganno.

Mobius infatti aveva sostenuto che tutte le strutture e tutti i dipendenti della TVA fossero stati creati dai Custodi del Tempo. I ricordi di C-20, che prima di essere un Minuteman era una semplice ragazza amante dei margarita, contraddicono palesemente questa affermazione.

Eppure, come dice Loki, Mobius sembrava intimamente convinto della sua origine. Il che significa che anche la mente dei Minutemen è sotto il controllo dei Custodi del Tempo, o chi per loro. Sylvie infatti afferma che tutti i membri della TVA sono in realtà altre varianti i cui ricordi sono stati soppressi.

Le date e i luoghi nel terzo episodio di Loki

2077: la distruzione di Lamentis-1

La fuga di Loki e Sylvie dalla TVA li porta su Lamentis-1 nel 2077, una luna abitata del pianeta Lamentis che sta per essere distrutta dall’attrazione gravitazionale del pianeta. Si tratta di un pianeta apparso solo una volta nei fumetti, per la precisione in Annihilation: Conquest Prologue del 2007.

Copertina di Annihilation: Conquest Prologue del 2007, di Aleksi Briclot, dove compare il pianeta Lamentis, teatro anche del terzo episodio di Loki
Copertina di Annihilation: Conquest Prologue del 2007, di Aleksi Briclot, dove compare il pianeta Lamentis, teatro anche del terzo episodio di Loki

Nei fumetti Lamentis era un pianeta colonizzato dai Kree in cui avevano trovato rifugio Phyla-Vell, all’epoca Quasar, e la sua amante Moondragon. I Kree presentano una fisiologia molto simile a quella umana, con due varianti etniche principali: i blu, la maggioranza dominante, e i rosa, la minoranza più povera e emarginata socialmente.

La natura di pianeta periferico dell’impero Kree spiegherebbe la presenza di umanoidi dalla pelle rosa sulla sua luna, dato che appare improbabile che la razza umana vada a colonizzare una luna di un pianeta distante in poco più di 50 anni. A meno che non si tratti di una linea temporale diversa, dove i viaggi spaziali hanno avuto una storia differente, e in tal caso sarebbe un’altra incongruenza nella storia della “Sacra Linea Temporale” sostenuta dalla TVA.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.