Il sesto episodio di Wandavision

Il sesto episodio di Wandavision su Disney+ è intitolato Nuovissimo Halloween Spaventacolare!, un tentativo di tradurre l’originale All-New Halloween Spooktacular! L’episodio riprende la tradizione delle sit-com americane di dedicare un episodio alla festa di Halloween, anche se viene rilasciato in febbraio. Probabilmente si tratta di una conseguenza del ritardo dovuto alla pandemia globale che ha stravolto un po’ tutti i piani dei Marvel Studios.

Gli omaggi televisivi nel sesto episodio di Wandavision

Nonostante l’atmosfera all’interno della distorsione di Westview sia un omaggio agli anni ’90, il riferimento più immediato, è alla sit-com Malcom in the Middle, in Italia semplicemente Malcom, andata in onda dal 2000 al 2006 per 7 stagioni.

Non è l’unico “anacronismo”, visto il cappellino di Minecraft che indossa Tommy mentre giocano a Dance Dance Revolution (rilasciato per la Playstation nel 2001), o l’annuncio del cinema che a fianco di The Parent Trap (Genitori in Trappola, film Disney del 1961 di cui è stato realizzato un remake nel 1998), viene proiettato anche The Incredibles (Gli Incredibili, film animato del 2004 realizzato dalla Pixar, che due anni più tardi sarebbe stata acquisita dalla Disney).

Il sesto episodio di Wandavision: dentro Westview

Come tradizione nelle sit-com americane, questo sesto episodio di Wandavision è uno speciale di Halloween, in cui assistiamo ai festeggiamenti nel quartiere di Wanda e Visione. La particolarità è che per l’occasione i costumi che indossano i due protagonisti sono ricalcati su quelli ideati negli anni ’60 sulle pagine dei fumetti Marvel, per la precisione da Jack Kirby per quanto riguarda il costume di Scarlet Witch e da John Buscema per Visione.

I costumi originali di Scarlet Witch e Visione nel sesto episodio di Wandavision
I costumi originali di Scarlet Witch e Visione nel sesto episodio di Wandavision

Billy e Tommy, i super-gemelli: prossimi Young Avengers?

In questo sesto episodio di Wandavision Billy e Tommy sono sempre più simili alle loro controparti fumettistiche. Arrogante e irrequieto Thomas, insicuro e sensibile William.

Peraltro vediamo Billy adottare, per Halloween, un look praticamente identico al costume che nei fumetti indossava come Wiccan quando militava negli Young Avengers. E allo steso modo Tommy si veste in maniera quasi identica allo zio Pietro, cosa che fa anche nei fumetti nei panni di Speed (anche se riprende l’uniforme verde di Quicksilver, non quella azzurra).

Tommy e Billy vestiti come Speed e Wiccan
Tommy e Billy vestiti come Speed e Wiccan

Verso metà episodio i due dimostrano di avere anche i poteri come nei fumetti, supervelocità per Tommy e poteri simili a quelli di Wanda per Billy. E vista la capacità di crescere a piacimento dimostrata dai due, è possibile pensare che li potremo vedere in versione adolescente a breve.

Ricapitolando, abbiamo assistito alla nascita di Wiccan e Speed, la giovane Hawkeye Kate Bishop, sarà la protagonista della serie omonima insieme a Clint Barton, Ms. Marvel ha una serie in arrivo, così come Ironheart e Cassie Lang, che nei fumetti adotta l’identità di Stature prima e di Stinger poi, sarà interpretata da una nuova attrice in Ant Man & the Wasp: Quantumania. Ci sono poi voci che indicano come Isaiah Bradley, il nonno di Eli, alias Patriot, dovrebbe comparire in The Falcon and the Winter Soldier.

Per completare la formazione degli Young Avengers, quindi mancherebbe solo Hulkling, ma l’annunciata serie di Secret Invasion potrebbe essere lo scenario perfetto dove introdurlo. Nel giro di un paio d’anni i Marvel Studios avrebbero gli eredi degli Avengers, tutti interpretati da giovani attori in grado di interpretare film e serie TV per anni come successo per Robert Downey Jr, Chris Evans, Scarlett Johansson e compagnia.

Pietro, il fratello ricomparso

Dopo l’apparizione shock alla fine dello scorso episodio, Pietro Maximoff è uno dei protagonisti di questa puntata. Non abbiamo una vera e propria risposta al mistero della sua comparsa e del suo aspetto, ma qualche indizio in più sì, nonostante ogni volta che Wanda cerchi di capirne qualcosa di più succede qualcosa che interrompe la conversazione tra i due.

Innanzitutto, ha memoria della sua morte in Avengers: Age of Ultron e consapevolezza apparire diverso (anche se non è chiaro se intenda il trucco di Halloween oppure effettivamente il fatto che è un’altra persona rispetto a quello che conoscevamo).

Chiaramente Wanda non ha coscientemente evocato o ricreato il fratello, eppure lui è lì per assecondare i suoi “desideri”: non a caso è apparso alla fine di una puntata che evocava Full House, serie su un padre vedovo che cresce le figlie con l’aiuto del fratello e del cognato. Ma allo stesso tempo possiede i poteri di Quicksilver, per cui sembra difficile che sia un semplice abitante di Westview spinto ad “interpretare” una parte.

I ricordi d’infanzia di Pietro poi non trovano riscontro in quelli di Wanda. È dovuto alla distorsione, ai traumi subiti da Wanda, oppure questo Pietro proviene da un altro punto del Multiverso?

Peraltro, c’è anche un simpatico omaggio al “dualismo” di Pietro, nel momento in cui il personaggio esclama “kick-ass”, aggettivo ripetuto anche da Wanda non appena il fratello scappa a compiere scherzi insieme ai nipoti. Kick-Ass è anche il titolo del film, tratto dal fumetto di Mark Millar e John Romita Jr, in cui Evan Peters e Aaron Taylor Johnson hanno recitato insieme, qualche anno prima che venissero scelti per interpretare lo stesso personaggio in due universi narrativi differenti.

Evan Peters e Aaron Taylor Johnson in una scena di Kick-Ass (2010)
Evan Peters e Aaron Taylor Johnson in una scena di Kick-Ass (2010)

Il controllo di Wanda su Westview

Abbiamo la definitiva conferma del controllo di Wanda all’interno della distorsione di Westview, ma non solo. Nel momento il cui Visione esce dai confini rischia di essere distrutto, Wanda interviene aumentando il volume dell'”Esa”, arrivando ad inglobare anche la base S.W.O.R.D.. Le strutture militari ed i soldati si trasformano in un circo abitato da mimi e pagliacci, e l’effetto si estende poi per ulteriori chilometri.

Ma notiamo anche come il controllo di Wanda non sia totale: più Visione si allontana dal centro di Westview, più i suoi abitanti sono immobilizzati nel tempo. La cosa è confermata anche dalle scansioni effettuate dal direttore Hayward che scoprono Jimmy Woo e compagne.

La stessa Agnes viene trovata da Visione bloccata verso i confini di Westview, situati lungo Ellis Avenue. Il nome è omaggio all’ex presidente visto in Iron Man 3 e Agents Of S.H.I.E.L.D. o a qualche autore? L’Ellis più famoso nel mondo dei fumetti è lo scozzese Warren, ma non ricordo suoi lavori degni di nota che abbiano coinvolto Wanda o Visione (mentre è stato il creatore di Extremis sulle pagine di Iron Man, per questo il presidente è stato chiamato come lui).

Eppure Wanda non riesce a spiegare a Pietro come abbia preso il controllo di Westview, e, come successo con Visione, improvvisamente vede il fratello in versione “zombie”, con le ferite che ne hanno causato la morte in Age of Ultron (anche se aveva un aspetto differente…).

Pietro Maximoff in versione "cadaverica" nel sesto episodio di Wandavision
Pietro Maximoff in versione “cadaverica”

Lo spot nell’episodio 6 di Wandavision: lo snack Yo-Magic

Se i precedenti finti spot visti finora facevano riferimento al passato di Wanda, quello di questa settimana è decisamente più criptico. Innanzitutto è realizzato con plastilina e in stop-motion, tecnica molto in voga verso la fine degli anni ’90, quando fu utilizzata anche per uno storico spot della Levi’s.

La scelta però rimanda anche al concetto di modellare e rimodellare la realtà partendo da una materia informe e duttile. Poi lo spot, che sembra ispirato a quelli degli yogurt Trix, è estremamente inquietante: un bambino affamato in un’isola deserta riceve la visita di uno squalo, che gli offre un barattolo di Yo-Magic, dicendo che a lui ha fatto passare quella sensazione di fame.

Il bambino ne chiede una, ma una non riesce ad aprire il vasetto e muore così di fame. È il nome dello snack, Yo-Magic, che fa pensare: suona come “your magic”, ovvero “la tua magia”.

Wanda durante l’episodio afferma che si sentiva, vuota, alla ricerca di qualcosa, una sensazione simile a quella descritta dal bambino e dallo squalo che gli offre la “sua magia”. Ma non riuscendo ad accedere a quella magia, il bambino non riesce a sopravvivere. Il claim finale, infatti, afferma che “Yo-Magic è uno snack per i sopravvissuti”.

Fuori Westview: Captain Rambeau prende l’iniziativa

Dopo il tesissimo confronto con Wanda, i rapporti tra il direttore Wayard ed i tre agenti “virtuosi” che abbiamo seguito finora sono ai minimi storici. Dopo un litigio con il direttore, Monica Rambeau, Jimmy Woo e Darcy Lewis vengono esautorati dall’incarico.

Ovviamente i tre non hanno la minima intenzione di abbandonare la missione e lasciare Wayward nella condizione di eliminare Wanda (anche perché non sanno quali possano essere le conseguenze di un’eventuale morte della ragazza sulla distorsione). Dopo aver hackerato le comunicazioni di Wayward (e aver incidentalmente scoperto che il passaggio nella distorsione ha causato una mutazione in Monica), Rambeau e Woo decidono di raggiungere il misterioso tecnico che ha approntato il veicolo che può permettere di entrare a Westview senza cadere vittime della distorsione.

Il progetto "Cataratta" consiste in un tracciamento segreto di Visione all'interno di Westview
Il progetto “Cataratta” consiste in un tracciamento segreto di Visione all’interno di Westview

Darcy invece decide di restare, ma quando vede Visione tentare di uscire da Westview e iniziare a distruggersi, viene scoperta dagli agenti dello S.W.O.R.D. e ammanettata, cosa che la rende una delle prime vittime dell’espansione della distorsione, ma non ci viene mostrato come viene trasformata.

Alla fine del sesto episodio di Wandavision, Visione esce dalla distorsione ma inizia a distruggersi
Alla fine del sesto episodio di Wandavision, Visione esce dalla distorsione ma inizia a distruggersi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *