Il ritorno dei What If…?: Spider’s Shadow

Con l’omonima serie animata prodotta dai Marvel Studios annunci donne mature in cerca di giovani, era prevedibile che la Marvel mettesse in cantiere anche un ritorno dei What If…? anche in forma cartacea.

È stato infatti annunciato per aprile lo special Spider-Man: Spider’s Shadow, che risponderà alla domanda “Cosa sarebbe successo se Spider-Man fosse diventato Venom?“. Il simbionte alieno che oggi è al centro dell’evento King In Black, infatti, fu portato sulla terra dal Tessiragnatele, alla conclusione della maxisaga Secret Wars, convinto che si trattasse semplicemente di un nuovo costume ispirato dal design della nuova Spider-Woman.

La copertina di Phil Noto per lo speciale Spider-Man: Spider's Shadow che segna il ritorno dei What If...?
La copertina di Phil Noto per lo speciale Spider-Man: Spider’s Shadow, un What If…? di Chip Zdarsky e Paqual Ferry

In seguito Peter Parker, scoperto che si trattava in realtà di un simbionte, riuscì a separarsi dalla forma di vita aliena che, sentendosi rifiutata, si unì ad Eddie Brock, dando vita al vigilante Venom, inizialmente mortale nemico di Spider-Man ma che con gli anni è diventato un eroe del Marvel Universe. Ma cosa sarebbe successo se Peter Parker avesse ceduto all’influenza del simbionte?

Lo speciale che segna il ritorno dei What If…? dopo due anni dalle ultime storie ipotetiche pubblicate sarà scritto da Chip Zdarsky, autore anche della celebratissima Spider-Man: Life Story, e vedrà finalmente Pasqual Ferry alle prese con il Tessiragnatele. L’autore spagnolo infatti aspirava da anni di disegnare una storia con protagonista Spidey, ma nonostante abbia iniziato a lavorare per la Marvel UK nel 1993 e per la casa madre statunitense a partire dal 1995, non ha mai avuto la possibilità di confrontarsi con l’amichevole Uomo Ragno di quartiere.

What If…?, di cosa si tratta

I What If…? sono una tipologia particolare di storia immaginaria, che parte dalle premesse di analizzare le conseguenze che possono verificarsi nel caso in cui un particolare avvenimento visto nelle storie canoniche fosse andato in maniera diversa. La serie What If…? fu lanciata nel 1977, con uno storico primo numero, “E se Spider-Man si fosse unito ai Fantastici Quattro?”, che in Italia fu utilizzato per celebrare i primi 100 numeri della serie dedicata all’Uomo Ragno dall’Editoriale Corno.

Copertina di What If...? 1 del 1977, di George Perez e Joe Sinnot
Copertina di What If…? 1 del 1977, di George Perez e Joe Sinnot

Inizialmente una serie bimestrale con storie extralarge, la serie venne chiusa con il numero 47 nel 1984 e, dopo uno speciale del 1988 firmato da Steve Ditko fu rilanciata nel 1989 come mensile. Il ritorno di What If…? fu un discreto successo, dal momento che questa seconda serie proseguì fino al numero 114 del 1998, e vide tra gli autori più ricorrenti alcuni nomi che sarebbero diventati delle superstar nel giro di pochi anni, come per esempio Greg Capullo o Jim Valentino.

La costante di ogni numero era l’introduzione da parte dell’Osservatore, The Watcher, enigmatico alieno residente sulla Luna con il compito di osservare il progresso umano senza mai interferire nelle vicende della Terra. La sua sete di conoscenza lo spinge ad osservare anche le varie realtà alternative a partire da eventi che divergono dalle storie note.

Nuovo millennio, nuova formula

Nel 2005, dopo il periodo più turbolento della storia della Marvel, il concetto di What If…? tornò in auge, ma invece di una serie regolare fu inaugurata una formula più flessibile, fatta di one-shot e miniserie proposti ad “ondate” periodiche, che prendevano in esame le saghe e gli eventi più importanti del Marvel Universe. In questo periodo la presenza dell’Osservatore diventa sempre meno una costante.

Sommando tutte le uscite insieme, nel 2011 uscì uno speciale What If…? 200. In seguito, nonostante uscirono molte storie ipotetiche, tra cui la citata Spider-Man: Life Story che immaginava uno Spidey invecchiato in tempo reale dal 1962 ad oggi, e la linea The End che immaginava l’ultima storia di vari personaggi, la linea What If…? non fu molto presente. Ci furono due nuove ondate di titoli, l’ultima delle quali nel 2018.

Copertina di What If? Magik del 2018, l'ultimo pubblicato prima del ritorno appena annunciato
Copertina di What If? Magik del 2018, di Jeff Dekal, ultimo pubblicato prima del rilancio appena annunciato

Adesso, con il concetto applicato al Marvel Cinematic Universe, attraverso la serie animata che vedrà l’Osservatore esplorare linee divergenti rispetto agli avvenimenti raccontati nei film Marvel Studios, questa linea editoriale con ogni probabilità conoscerà un nuovo rilancio.

Una risposta a “Il ritorno dei What If…?: Spider’s Shadow”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.