Miles Morales: arriva la nuova saga del clone

Arriva una nuova saga del clone per Miles Morales! Tutti i lettori di Spider-Man hanno bene in mente la famosa e allo stesso tempo famigerata saga del clone, che a fine anni ’90 ha scosso le fondamenta del mondo di Peter Parker, reintroducendo un clone che si pensava morto da 20 anni, con la sua nuova identità di Ben Reilly e sollevando per anni il dubbio su chi fosse il vero Peter Parker.

Oggi tocca al più recente Spider-Man, ovvero Miles Morales, affrontare una situazione simile. La nuova saga del clone partirà in Aprile, sulle pagine di Miles Morales: Spider-Man 25, scritto da Saladin Ahmed e disegnato da Carmen Carnero, ma in realtà è già da molti numeri che la trama sta prendendo forma. Nello specifico il misterioso Assessor ha già impiegato alcuni cloni di Miles, ma si trattava di costrutti instabili, destinati a consumarsi in poco tempo.

Copertina di Miles Morales: Spider-Man 19, dove Miles ha combattuto un suo primo clone creato da Assessor
Copertina di Miles Morales: Spider-Man 19, dove Miles ha combattuto un suo primo clone creato da Assessor

La doppia copertina di Miles Morales: Spider-Man 25 fa vedere alcuni personaggi con il costume di Spider-Man dalle proporzioni gigantesche e grottesche, il che fa pensare che gli esperimenti di Assessor non si limitino alla semplice clonazione.

Lo scrittore Saladin Ahmed ha affermato che la saga del clone sarà il culmine di molte trame che sta sviluppando sulla serie fin dall’inizio della sua gestione, e avrà conseguenze che si faranno sentire per anni sul personaggio di Miles.

La doppia copertina di Miles Morales: Spider-Man 25, in uscita ad Aprile
La doppia copertina di Miles Morales: Spider-Man 25, in uscita ad Aprile

La saga del clone di Peter Parker

L’originale saga del clone che coinvolse Peter Parker è ricordata in maniera controversa dai fan: da un lato fu una storia costruita in maniera appassionante e con alcuni picchi qualitativi notevoli. Ad esempio donne illuminate milano, di J.M. DeMatteis e Mark Bagley, con quella che all’epoca si pensava fosse la morte di zia May, resta una delle storie più celebrate nella storia del Ragno.

Allo stesso tempo, però, la saga fece precipitare per anni tutti le serie di Spidey in uno stato di perenne crossover, rendendo impossibile seguirle in maniera indipendente, e non tutti i team creativi garantivo risultati di qualità. Inoltre l’eccessiva lunghezza e il continuo ritrattare sulle sconvolgenti rivelazioni che si trasformavano in bugie nell’arco di pochi numeri fecero in breve tempo salire il disappunto tra i lettori, al punto che una volta terminata la saga, nello storico Spider-Man 75 di Howard Mackie e John Romita Jr, la vicenda fu una sorta di tabù per circa 10 anni, con le storie di Spidey che proseguirono senza fare mai il minimo accenno a quelle vicende.

Adesso che arriva una nuova saga del clone per Miles Morales la lezione sembrerebbe essere stata compresa: la nuova storia sembra più contenuta e focalizzata fin dall’inizio, per cui dovrebbe evitare le polemiche ed i cali qualitativi che hanno caratterizzato l’illustre predecessora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.